Maroni dice Sė alla Terza Pista


Con atto deliberativo n. X/13 del 3 Aprile 2013 la nuova Giunta Regionale della Lombardia, all'unanimità, ha espresso PARERE FAVOREVOLE al Master Plan dell’aeroporto di Milano Malpensa.
 

 



Per Maroni non ci sono ostacoli al via libera al maxi-investimento da 1,3 miliardi di euro previsto dalla realizzazione del Master Plan di Malpensa. Attraverso la costituzione di un Osservatorio Ambientale si affronteranno e si porteranno a soluzione le criticità ambientali a cominciare da quelle ancora esistenti dovute al precedente ampliamento dell'attività aeroportuale e relative opere infrastrutturale.
Maroni o ci fa o ci è. Quante comissioni e quanti osservatori sono stati messi in piedi sino ad oggi per affrontare le problematiche connesse all'attività aeroportuale ? Una infinità! E con che risultati ? Nessuno!
E' sufficiente esaminare i fallimentari risultati della Commissione Aeroportuale, operante da parecchi anni con il compito di distribuire equamente i voli in decollo e quindi il rumore provocato dagli aerei sul territorio.
La decisione della Giunta lombarda cammina così nel solco già tracciato dalla precedente giunta Formigoni: avanti con l'ampliamento aeroportuale accompagnato dalle solite promesse di interventi di mitigazione, compensazione e di tutela ambientale, destinati a rimanere in gran parte inattuati. Naturalmente senza dar conto del perchè e del percome quelli previsti per mitigare il precedente ampliamento non sono stati completati. Anzi. Il nuovo sedime aeroportuale, destinato alla reallizazione della Terza pista e alla nuova logistica Cargo, era destinato alla riqualificazione ambientale dal famoso e fumoso Piano del Verde elaborato nel 1996 dall’Azienda Regionale delle Foreste.
Va detto tuttavia, per chiarezza e correttezza, che la delibera regionale in parola rappresenta solo il parere della Giunta lombarda e non certo il via libera al nuovo Master Plan aeroportuale. Tuttavia si tratta di una resa di posizione destinata ad avere un rilevante peso politico presso i ministeri romani chiamati alla decisione finale.
 
 

 



Articolo tratto da: NO alla Grande MALPENSA - http://aereorapace.altervista.org/
URL di riferimento: http://aereorapace.altervista.org/index.php?mod=none_News&action=viewnews&news=1365329606